Calcio Empoli
Sito appartenente al Network

Accardi: “Con Nicola la svolta. Baldanzi un’opportunità per entrambi”

Accardi a tutto tondo tra mercato, panchina e obiettivi: "I giovani sono un patrimonio del club: per la salvezza servirà lavorare tanto"

PARLA ACCARDI. Queste alcune delle parole del direttore sportivo azzurro Pietro Accardi in conferenza stampa: “Cercavamo un allenatore esperto e competente e Nicola è stato il profilo giusto. E’ riuscito a dare una svolta, soprattutto mentale, alla squadra, ma ciò non vuol dire che ora la missione salvezza sarà più facile. Il nostro percorso è ancora all’inizio e ci attenderanno delle difficoltà domenica dopo domenica. Il campionato è equilibrato, sia in alto che in basso, in molte squadre si giocheranno la permanenza in categoria. Tutto però dipenderà da noi, abbiamo la fortuna di essere padroni del nostro destino”. 

L’AFFARE BALDANZI. “La politica del club è quella di essere attenti ai bilanci e situazioni simili non capitano tutti i giorni. Si tratta di un affare che ha rappresentato un’opportunità sia per la società che per il giocatore. Baldanzi aveva avuto richieste anche in estate, ma noi avevamo già perso sia Parisi che Vicario e il club, anche a livello economico, non aveva necessità di vendere subito. Ovviamente in questa sessione la questione è diversa, è un meccanismo che non poteva essere fermato. Sappiamo che l’Empoli investe sui giovani, formandoli e facendoli crescere per poi farli andare in palcoscenici di maggior prestigio”.

I NUOVI ARRIVATI. “Niang mi ha dato subito il suo parere positivo, in lui ho visto motivazioni e disponibilità, tant’è che ha accettato un contratto da sei mesi con rinnovo legato agli obiettivi. La trattativa era già nata a inizio gennaio, poi si è prolungata ma siamo contenti che sia finita nel migliore dei modi. Goglichidze è un’operazione “da Empoli”, suggerita tre anni fa dal nostro ex giocatore Mchedlidze. A lui, come ad altri, andrà data la possibilità di crescere. Guarino? Il Modena è la realtà giusta per farlo giocare con continuità. Anche Zurkowski e Cerri mi hanno colpito per la grande voglia di rivalsa. Szymon è un figlio di Empoli, lo potevamo riprendere anche prima e abbiamo già visto quanto possa darci in termini di numeri e di qualità. Alberto aveva le caratteristiche e il profilo che stavamo cercando”.

 

 

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Le parole del giocatore dell'Empoli rilasciate a Sportmediaset...
Un saluto dalla redazione di CalcioEmpoli: iniziamo come di consueto con le prime pagine dei...
L'Empoli prosegue gli allenamenti in vista del prossimo turno di campionato: arriverà il Cagliari al...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri,...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...

Calcio Empoli